IL RAPPORTO INDISSOLUBILE TRA IL SENZATETTO E IL PROPRIO CANE

Anche quando tutto sembra perduto, l’amico a 4 zampe resterà sempre accanto al proprio compagno umano..

Sappiamo che la vita dei senzatetto talvolta può essere un problema davvero grave, che si intensifica soprattutto nelle grandi città. Spesso ci imbattiamo in uomini o donne adulti, e non sempre giovani che, seduti su un marciapiede chiedono un aiuto, allungano la mano nel tentativo di ingentilire un cuore e magari raccogliere quanto basta per poter cenare; non sempre sono soli, spesso hanno il loro amico del cuore che li accompagna ovunque, il loro amico a 4 zampe, che il più delle volte è un cane…

Il rapporto indissolubile

Nel tentativo di dare loro un riparo, soprattutto durante le gelide notti invernali, Milano si riscopre città in controtendenza; il 2 gennaio del 2020 in uno stabile di via Ripamonti 580, ex night club confiscato alla criminalità organizzata nel 2010, è stato aperto un ricovero per i senzatetto con animali al seguito con ben 50 posti letto. Sono 500 metri quadrati distribuiti su due piani, più un ampio terrazzo di 90 metri quadrati e un grande giardino recintato.
Chiaramente l’obiettivo umanitario è principalmente quello di dare loro riparo e sostegno ma si punta anche al recupero della persona, con un percorso di 6 mesi fatto di tirocini o borse di lavoro che li potrebbe aiutare nel “reinserimento in società”.

La struttura apre quindi le porte a chi nella vita “si è perso”, a chi non ha più un lavoro o una casa e, come detto, i loro amici a 4 zampe sono i benvenuti; amici speciali a cui, come ben sappiamo tutti, non importa dove vivono ma importa solo con chi vivono: stare a fianco del loro “amico per la vita” rappresenta il loro unico desiderio.

Compagni per la vita

Proprio per questo, tra il personale specializzato sono presenti anche istruttori cinofili e veterinari. Sul progetto di Via Ripamonti, Paola Fossati, Garante per la tutela degli animali del Comune di Milano diceva: “Avere un cane è, in molti casi, l’unica forma di ‘legame familiare’ possibile, da cui non intendono
separarsi. Per questo è importante che il Comune abbia scelto di mettere a disposizione la struttura di via Ripamonti per accogliere i senzatetto e anche i loro animali, garantendo che sia gli uni, che gli altri, possano trovarvi riparo e assistenza”.

Il rapporto che si crea tra i senzatetto e il loro amico peloso è indissolubile; spesso l’unione tra animali e soggetti più fragili è terapeutico, poiché permette di non abbassare l’autostima, provando a se stessi di essere in grado di prendersi cura di un altro essere vivente Questo legame li tiene “ancorati” alla vita e li aiuta a non venire inghiottiti da quel senso di solitudine e abbandono che, condizioni così prive di dignità, possono creare.

A proposito di legami indissolubili, leggi questa bellissima storia a lieto fine

La compagnia della Polenta, intervistata dai microfoni di RadioVeg.it, si occupa di distribuire pasti vegan ai senzatetto di Milano: per fare del bene a qualcuno, senza fare male a nessuno..

I cani sono il nostro tramite con il paradiso, sedersi con un cane su di una collina in uno splendido pomeriggio è come tornare all’Eden, dove non fare nulla non era noioso, era la pace

Milan Kundera

Aqavera

Milano, 13/03/2021 – EB

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.