BUONA CORSA, PAUL!

Avere 80 anni oggi può significare molte cose. Far parte di quell’ enorme massa di persone che soffrono di qualche malattia cronica (e questo ahinoi avviene già, mediamente, a partire dai 65 anni di età) oppure per costituzione, Dna e scelte di vita, poter godere ancora di una buona salute e di un buon livello di equilibrio psico-fisico.

Paul Youd, 82 anni

Il signor Paul Youd, un britannico di 82 anni ha riscoperto con la scelta vegan una seconda giovinezza. Leggete cosa ha dichiarato a Vegansociety.com:

“Sono cresciuto seguendo una dieta molto tipica, in cui un pasto consisteva generalmente di carne e verdura. Poi, nei primi anni 2000, sono diventato vegetariano per evitare la malattia della mucca pazza. Mi ci sono voluti un paio d’anni per andare a scoprire cosa stava succedendo nel settore lattiero-caseario e delle uova, e poi sono diventato vegano. Avevo l’artrosi nelle dita. Se li guardi ora non posso fare un pugno vero. Stava diventando sempre più doloroso, e i dottori mi avrebbero dato solo l’ibuprofene. Non riuscivo a unire le mani, né sollevare il piumone, cambiare marcia o tenere un bollitore. Quando sono diventato vegano tutto è scomparso. Dopo diversi mesi ho notato la differenza con le mie articolazioni. Non faceva più male. Ho visto un ragazzo in sala operatoria le cui mani erano molto contorte e mi ha detto: “Ti succederà.” Ma non è stato così. Il danno è stato fatto, ma il dolore è sparito. Mi considero guarito dall’artrite. Vorrei che i dottori incoraggiassero altri pazienti a provare a diventare vegani. Adesso mi sento davvero bene. Ho 82 anni e mi sento come se avessi 40 anni!”

Forza, Paul!

Paul ha deciso di affrontare una nuova sfida e lo farà a partire dal 21 giugno 2020: ha deciso di correre 100 chilometri in  10 giorni per raccogliere fondi per i 200 residenti del santuario degli animali Dean Farm Trust a Chepstow, in Inghilterra.

“Volevo sfidare me stesso e fare qualcosa per aiutare gli animali salvati al Dean Farm Trust”, ha detto Youd. “Fanno un lavoro così straordinario per salvare gli animali bisognosi e in questo momento stanno davvero lottando, con molte delle loro fonti di finanziamento colpite dal coronavirus. Correre era qualcosa che potevo imparare nella sicurezza del mio giardino. E così ho fatto ” – ha dichiarato al sito Vegnews.com.

RV / Giu 20

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *