L’INASCOLTATO DOLORE DELLE OCHE

Diciamocelo dai, a tutti piace farsi avvolgere dal piumone del letto quando fuori fa freddo e magari nevica, oppure uscire di casa e non sentire il gelo perché avvolti in caldi piumini alla moda, colorati, soffici e che piacciono alla massa, vero?!?!

Cliccate qui per ascoltare in diretta RadioVeg.it

Vi siete mai chiesti di cosa sono fatti i piumini? Sono fatti di piume d’oca o di anatra e fino qui non ci vuole una scienza a capirlo, quello che non viene sviscerato al pubblico è che ogni singola piuma,  non proviene da una donazione spontanea ma bensì “figlia” di un dolore profondo: quello delle oche e delle anatre spennate vive e senza anestesia.

L’oca è un animale meraviglioso. Lasciamolo vivere!

Le piume vengono strappate, dalla pelle di questi animali molto tra sofferenze così atroci che alcuni di loro muoiono addirittura di crepacuore perché la paura e il dolore fisico sono tali da provocare loro addirittura un infarto.

Leggi anche questo articolo.

È una azione spregevole e priva di umanità e consiste nel rimuovere il manto più morbido, quello più giovane, infatti le oche al primo spiumaggio non hanno neppure due mesi di vita, per cui ancora una volta quel gran genio dell’uomo, se ne frega del dolore causato pur di accontentare le richieste di mercato.

Belle, libere, in volo…

Vengono afferrate per il collo, vengono legate le zampe e mentre si contorcono di dolore e dalla paura, l’uomo strappa senza criterio né pietà alcuna, il tenero e soffice piumaggio per poi buttarle traumatizzante e nude in gabbie anguste tipiche degli odiati allevamenti intensivi.

Le gabbie sono così piccole che gli animali non possono nemmeno girarsi su loro stessi, assumere una posizione eretta o battere le ali.

Vengono private della loro copertura termica e dopo due mesi circa ci risiamo, altra tortura, altro dolore, altre urla disperate ma credetemi, c’è pure di peggio perché dopo circa 8 mesi, quando le piume non sono più sufficientemente tenere, ritenute ormai “vecchie” per i troppi strappi, vengono drammaticamente finite, tranciando la giugulare a testa in giù per far fluire il sangue…mentre ancora sono VIVE. (Cliccate questo link se volete vedere alcune immagini)

Animali intelligenti, possono diventare ottime compagne di vita

Quello che esce, ancora una volta, è che non ci si fa la domanda giusta, e allora ve la dico io e vi suggerisco di farla anche a chi vi sta intorno, perché il più delle volte manca la volontà di vedere oltre, per cui chiediamoci sempre: “da dove viene quello che indosso?

Chi è stato trucidato per riempire la mia tavola? E’ necessario comprare quello che non mi serve? Chi è morto per le mie scarpe in pelle?

Impariamo a ragionare oltre l’immagine e il desiderio di possedere qualcosa, perché spesso, fin troppo spesso, quel qualcosa era qualcuno….

Non so voi ma a me viene da piangere!

Essere neutrali in situazioni di ingiustizia significa scegliere la parte dell’oppressore.

Arcivescovo Desmond Tutu

AqvaVera – RV Gen 21

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *