FOIE GRAS: CI VUOLE “FEGATO” A MANGIARLO

Tutti parlano del foie gras e dell’orrore che si cela dietro la sua produzione eppure, una così profonda constatazione ancora non è riuscita a cancellarlo definitivamente dalle tavole; denunce, petizioni e lotte non sono state sufficienti, sebbene molto sia stato fatto e tanto comunque si è ottenuto.

Che animali meravigliosi… ci vuol davvero fegato a mangiarli

Cos’è esattamente il foie gras?

Associato alla Francia, questo cibo consumato in tutto il mondo, ha radici nell’antico Egitto.

Fu durante l’Impero Romano che il foie gras divenne l’alimento base francese che conosciamo oggi. Attualmente, circa tre quarti della sua produzione avviene in Francia.

Diamo i numeri:

Per fare il foie gras, anatre e oche private della loro libertà, vengono ingozzate forzatamente con un miscuglio di mais cotto e salato per 3 volte al giorno, per 3 settimane di fila e per un totale di 15 kg di pappetta, somministrata in stabulari stipatissimi per 14 h al giorno e tutto questo per far ingrassare fino a 10 volte il loro fegato.

C’è un altro modo di relazionarsi con gli animali

“L’alimentazione forzata è nota come sonda gastrica e provoca una serie di problemi come lesioni al collo, emorragie o perforazioni dell’esofago; asfissia causata da cibo forzato in modo improprio nella trachea e dolore addominale mentre il fegato si espande in uno spazio che non può accogliere le sue dimensioni”, ha detto a LIVEKINDLY Chris DeRose, fondatore dell’associazione no profit Last Chance for Animals per i diritti degli animali.

Come se non bastasse, alle volte il loro peso aumenta a tal punto da non poterlo più sopportare accusando gravi danni alle zampe.

Oggi a causa del riconoscimento di questa aberrante crudeltà, la produzione di foie gras è vietata in diversi paesi, inclusa l’Italia, la Germania, la Danimarca e la Norvegia mentre nel 2012 è entrato in vigore il divieto di vendita di foie gras nello stato della California.

Una luce fuori dal tunnel

In tutto questo orrore c’è una speranza all’orizzonte, il “foie gras vegano” che ha una cremosità ricca e gustosa. Lo chef stellato Michelin Alexis Gauthier ha creato una ricetta per il “faux gras” nel 2018 che prevede una miscela di scalogni, lenticchie, noci e funghi.

Il Faux Gras – 100 % Vegan

“Chi è crudele nei confronti degli animali come può essere una buona persona?”

Arthur Schopenhauer

AqvaVera – RV / Set20

Per approfondire:
La campagna di Essere Animali contro il fois gras
Un nostro articolo sul tema
I risultati della campagna di Essere Animali sul Fatto quotidiano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *