#ENDANIMALTESTING, STARE ALL’ERTA

Più di 1.000.000 di firme raccolte, l’obiettivo è stato raggiunto, ma meglio continuare a raccoglierle
PETA cruelty free cosmetics

L’Italia è orgogliosamente uno dei 18 su 27 paesi europei che ha raggiunto la soglia minima di firme per #ENDANIMALTESTING affinché la Commissione Europea adotti i provvedimenti necessari per vietare la sperimentazione sugli animali in campo cosmetico.

L’obiettivo è stato raggiunto a poco meno di un mese dalla fine della raccolta firme, prevista per il 31 agosto, ma per maggior sicurezza è meglio non abbassare la guardia e continuare a raccoglierle.

Di seguito il comunicato di Cruelty Free Europe

Un milione di cittadini dell’UE fanno la storia per gli animali nei laboratori

Ad oggi, un milione di cittadini dell’UE ha firmato la #ENDANIMALTESTING (ECI); un’enorme spinta politica per gli animali nei laboratori.

Cruelty Free Europe ha unito le forze con oltre 100 altre organizzazioni per la protezione degli animali in tutta l’UE per lanciare l’ECI #EndAnimalTesting che chiede un piano a livello europeo per porre fine agli esperimenti sugli animali in Europa.

Oggi si è arrivati al milione di firme raccolte: un’enorme pietra miliare per questi animali dimenticati.

“Un milione di firme è una pietra miliare fenomenale, ma gli animali che continuano a soffrire in esperimenti crudeli e obsoleti hanno bisogno di molto di più. Abbiamo costruito la più grande coalizione in assoluto per porre fine agli esperimenti sugli animali e siamo straordinariamente orgogliosi di questo sforzo collaborativo. “Tuttavia, la lotta per far uscire cani, gatti, scimmie, conigli, porcellini d’India e altri animali dai laboratori non è ancora finita. Dobbiamo continuare a raccogliere firme per garantire che i legislatori europei capiscano quanto sia importante questa questione per i cittadini dell’UE. I cittadini dell’UE hanno solo un altro mese per firmare questa iniziativa rivoluzionaria e inviare un messaggio travolgente che i cittadini europei si preoccupano. Insieme, chiediamo la fine della sofferenza degli animali e una transizione più rapida verso test e ricerche umani, rilevanti per l’uomo e privi di animali” – Kerry Postlewhite, Direttore degli Affari Pubblici di Cruelty Free Europe

Negli ultimi undici mesi, la campagna ha organizzato eventi in tutta l’UE, ottenuto copertura mediatica su giornali internazionali e condotto campagne digitali innovative, consentendo a tutti i cittadini dell’UE di aggiungere i loro nomi a questo movimento compassionevole.

#ENDANIMALTESTING il video di PETA ITALIA

Numeri crudeli

Nel 2019, secondo la legislazione che disciplina gli esperimenti sugli animali nell’UE, nei laboratori europei sono stati utilizzati in totale 10,5 milioni di animali. Dei 10,5 milioni di usi, il 41% è stato ritenuto dai ricercatori aver causato sofferenze moderate o gravi agli animali coinvolti.

Il 2019 ha visto uno scioccante aumento del 19% dei test LD50 (dose letale 50) sui topi. Questi test mirano a trovare la dose di una sostanza che uccide il 50% degli animali coinvolti.

Perché una ICE

L’ICE comporterà un cambiamento sismico nella scienza nell’UE, con il potenziale beneficio per gli animali, l’economia e gli esseri umani.

SAVE CRUELTY FREE COSMETICS LEAL

BIO, la più grande associazione di categoria al mondo che rappresenta aziende biotecnologiche, istituzioni accademiche, centri statali di biotecnologia e organizzazioni correlate in oltre 30 altre nazioni, riferisce che il 92% dei farmaci fallisce nelle sperimentazioni umane anche se hanno superato i test preclinici, compresi i test sugli animali. I farmaci urologici hanno ora il tasso di successo più basso (solo il 4% è approvato dopo essere entrato negli studi clinici), seguiti da farmaci per il cuore (5%), farmaci contro il cancro (5%) e farmaci neurologici (6%).

“È giunto il momento di porre fine agli animali che soffrono e muoiono in esperimenti crudeli in Europa – Kerry Postlewhite

Si invita quindi a continuare a supportare l’iniziativa andando sul sito www.endanimaltesting.eu.

Qualche info in più sull’ICE/ECI

La End Animal Testing European Citizens’ Initiative (ECI) riunisce una rete di oltre 100 ONG in tutta l’Europa. Per la prima volta nella storia un gran numero di organizzazioni europee si riunisce per gli animali nei laboratori. L’iniziativa è stata avviata da Eurogroup for Animals, ECEAE – European Coalition to End Animal Experiments, Cruelty Free Europe, PETA e HSI Europe.

La petizione durerà fino alla fine di agosto 2022, ed ha l’ambizioso obiettivo di un piano a livello dell’UE per eliminare gradualmente la sperimentazione animale e finanziare e incentivare la scienza e ricerca priva di animali.

La Commissione europea raccomanda la raccolta di un minimo di 1,2 milioni di dichiarazioni affinché ci sia la certezza che l’ECI superi la soglia di 1 milione. Bisogna tener conto di una certa percentuale di firme ritenute non valide, il rischio c’è anche per l’ECI End Animal Testing, pertanto è necessario non abbassare la guardia e continuare a raccogliere firme.

Sulla base di ECI precedenti si stima che il conteggio totale delle firme includerà il 20% di dati non validi. Questo si basa su molte variabili tra cui duplicati, numeri ID errati e data di nascita, stato di residente e grafia illeggibile nei moduli cartacei.

Cos’è Cruelty Free Europe

Cruelty Free Europe è una rete, con sede a Bruxelles, di 19 membri associati che hanno come obiettivo la protezione degli animali e lavorano per porre fine alla sperimentazione animale nei laboratori in tutta l’UE e nel più ampio vicinato europeo.

CRUELTY FREE EUROPE

Lavorando con membri eletti del Parlamento europeo, governi, autorità di regolamentazione, funzionari e sostenitori, gli esperti uniscono e coordinano gli sforzi per garantire il cambiamento per gli animali che attualmente soffrono nei laboratori di tutta Europa.

Cruelty Frfee Europe crede che non ci sia una giustificazione morale razionale nell’utilizzo di animali negli esperimenti. Al contrario, sostiene la ricerca scientifica progressista e umana e una vita senza crudeltà.

Per ascoltare RadioVeg.it, cliccare QUI.

Milano, 02/08/2022 – GC

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.