BEAGLE DI 4 MESI DA USARE COME CAVIE ARRIVATI A VERONA

Avevamo elogiato l’ateneo di Verona, qualche mese fa, per aver chiuso definitivamente i laboratori di sperimentazione animale, ma in questi giorni la città scaligera ritorna alla ribalta per ragioni contrarie. Al centro dell’attenzione dei Beagle.

Sono arrivati da poco dalla Francia 20 cuccioli di 4 mesi di Beagle. Sono stati portati al centro sperimentale Aptuit, uno dei centri più grandi d’Italia dove spesso si ricorre alla sperimentazione sugli animali, di proprietà della multinazionale farmaceutica Evotec.

I cagnolini sono destinati dunque a diventare cavie da laboratorio e la cosa è stata denunciata da Centopercentoanimalisti, che, la sera dell’8 settembre, ha organizzato un blitz a sorpresa davanti ai cancelli della sede del centro sperimentale. Il blitz si è concluso con l’arrivo delle forze dell’ordine allertate dalla vigilanza del centro sperimentale.

BEAGLE

Aptuit, una seconda Green Hill per i Beagle?

Conosciamo tutti la vicenda di Green Hill, che ha chiuso i battenti proprio grazie alle battaglie degli animalisti, e l’idea che Aptuit diventi una seconda Green Hill rappresenta un incubo e mette tutti in allarme.

Anche se la legge italiana concede, purtroppo, un’autorizzazione all’uso dei cani nei laboratori solo in casi specifici, sono in realtà ancora tanti, troppi, i laboratori che utilizzano queste povere bestiole.

Da una stima di LAV, nel nostro Paese sono circa 600 i cani che ogni anno vengono sottoposti a test tossicologici, prove per farmaci e per la produzione di apparecchiature.

Si dovrà continuare a battagliare dunque, non si pensava proprio di doverlo ancora fare per i Beagle. Cani, come dichiara LAV, i tra i più utilizzati per esperimenti, senza una vera base razionale di scelta come affinità genetica, anatomica e fisiologia, ma selezionato per la taglia, la lunghezza del pelo agevole per iniezioni e prelievi, la resistenza cardiaca, il temperamento docile e la capacità di vivere in gruppo, in modo da essere facilmente stabulato e costare meno.

Per salvare i beagle arrivati a Verona è partita una petizione. Cliccate QUI e firmate… firmate… firmate!

Manifestazioni

SABATO 18 SETTEMBRE

La Consulta per il Benessere e Tutela degli Animali di Verona, che raggruppa le associazioni animaliste di Verona (di cui LAV fa parte con Animalisti Verona, Enpa. Freccia 45 sezione di Verona, La Voce dei Conigli, Lega Nazionale per la Difesa del Cane di Verona e Legnago, Oipa, Tribù Animale, Verde Blu e WWF) annuncia una manifestazione per protestare con l’arrivo nei laboratori dell’azienda Aptuit Evotec di una ventina di cuccioli di Beagle, destinati ad essere sottoposti ad esperimenti scientifici.
SABATO 18 SETTEMBRE ALLE 11, APPUNTAMENTO DAVANTI ALL’INGRESSO DELLA CASA FARMACEUTICA IN VIA ALESSANDRO FLEMING A VERONA

APRITE LE PORTE: è questa la sfida che le Associazioni Animaliste Veronesi lanciano alla multinazionale che da anni usa cani, scimmie uistitì e altri animali per sperimentare farmaci.

Le associazioni chiedono ad Aptuit di agire nella massima trasparenza e collaborazione con le autorità competenti per chiarire i tanti silenzi e le zone d’ombra che da tanto tempo riguardano gli esperimenti sugli animali rinchiusi nei laboratori, senza mai vedere la luce del sole, sottoposti a test e sofferenza in nome della “scienza”.

L’arrivo dei 20 Beagle nei laboratori è un fatto che, nonostante nelle fasi del trasporto dalla Francia a Verona abbia seguito un iter legale, viene condannato con fermezza dal punto di vista etico e morale da tutte le associazioni animaliste veronesi, da sempre molto attive nella tutela dei diritti degli animali.

La manifestazione del 18 settembre intende accendere i riflettori su un argomento sempre più dibattuto dall’opinione pubblica.
Le associazioni chiedono quindi con fermezza che Aptuit apra le porte dei propri laboratori per far conoscere esattamente quanti e quali animali sono sottoposti ad esperimenti, la loro provenienza e la loro sorte al termine di anni di sofferenze.
La protesta si svolgerà nel massimo rispetto delle norme anti Covid 19.

Per informazioni 3357769101

DOMENICA 26 SETTEMBRE

manifestazione verona beagle

Milano, 10/09/2021 – GC

18 pensieri riguardo “BEAGLE DI 4 MESI DA USARE COME CAVIE ARRIVATI A VERONA

  • 12 Settembre 2021 in 13:53
    Permalink

    La ricerca su animali non è predittiva per l’uomo.
    Ma quello che la rende un abominio è la crudeltà con cui questi animali vengono abusati, per classificare la sicurezza di farmaci ad uso umano.
    Ognuno di questi cani e non solo, viene torturato e poi decapitato, ucciso.
    Siamo nel 2021, inorridiamo a pensare al delitto di tortura e poi chiudiamo gli occhi quando migliaia di animali indifesi finisce negli stabulari a soffrire e morire per il resto della miserabile vita che gli viene riservata?

    Rispondi
  • 12 Settembre 2021 in 21:47
    Permalink

    Siamo ancora alla ricerca ottocentesca. Esperimenti inutili che servono ai sadici che li praticano per avanzamenti di carriera attraverso pubblicazioni. Che li facciano in vitro gli esperimenti di tossicità. !!!!

    Rispondi
  • 12 Settembre 2021 in 23:39
    Permalink

    CHE vergogna che ancora si tollerino queste cose…le cose devono cambiare
    basta con la sperimentazione su animali
    il vostro dio-denaro vi ucciderà presto

    Rispondi
  • 13 Settembre 2021 in 10:32
    Permalink

    Nessuno ha il diritto di spegnere o danneggiare una vita! Basta crudeltà sugli animali!

    Rispondi
  • 14 Settembre 2021 in 06:45
    Permalink

    Non è possibile nel 2021 ritrovarsi ancora a questo punto

    Rispondi
  • 15 Settembre 2021 in 23:26
    Permalink

    E bastaaaaaa avete rotto con sti esperimenti su questi poveri innocenti.

    Rispondi
  • 16 Settembre 2021 in 01:04
    Permalink

    B A S T A!!!!! NON DEVONO AVERLI!!!
    BLOCCARE TUTTE LE SPERIMENTAZIONI SU ANIMALI…… DOBBIAMO FERMARLI….NON SE NE PUÒ PIÙ DI ABUSI “INUTILI” SU ANIMALI INDIFESI E DI LABORATORI LAGHER!!!!!!

    Rispondi
  • 17 Settembre 2021 in 07:44
    Permalink

    la petizione contro la sperimentazione sui cani firmo

    Rispondi
  • 17 Settembre 2021 in 12:32
    Permalink

    Vergogna, vergogna e ancora vergogna!
    Gli animali vanno rispettati e non torturati per testare farmaci che nemmeno vedranno la luce! Si trovino altri modi per fare ricerca! Queste povere creature sono venute al mondo per conoscere solo la sofferenza? Possibile si accetti una simile logica? Bastaaaaaa!

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *