QUESTIONI DI SPECIE

Autore: Massimo Filippi

Editore: Elèuthera

L’autore fa notare che spesso la lotta per i diritti sociali manifesta interessi di parte, in controtendenza con quanto previsto dall’antispecismo che invece interpreta la lotta per i diritti degli animali coma la rivendicazione del principio di giustizia sociale. Le attuali emergenze ambientali, la cui portata è planetaria, obbligano l’uomo ad interrogarsi sul suo rapporto con la natura e, sempre più, rendono evidente che esso non può continuare in un atteggiamento predatorio o anche semplicemente utilitaristico, ma deve aprirsi a considerazioni di etica globale: un necessario passaggio dall’antropocentrismo al biocentrismo. Allora affrontiamo il tema dei diritti degli animali con la consapevolezza che ci muoviamo in un terreno in cui tanti pionieri hanno piantato i semi (Plutarco, Pitagora; bentham, Ghandi, Ryder, Singer, Regan, per citarne alcuni) e che a noi tocca riesaminare le tradizioni di pensiero dominanti nella nostra cultura, sgombrando il campo da quegli equivoci che alimentano quei fondamentalismi individuabili nell’antropocentrismo. Ad oggi escludere i diritti degli animali dal mondo della conoscenza, vuol dire continuare a porsi in modo anti-culturale. Rifiutare di vivere con prodotti di origine animale è una scelta che si potrebbe definire “eticamente obbligata” dal momento che mangiare carne non realizza una libertà personale ma racchiude in sé una manifestazione di violenza, sfruttamento e sopraffazione tipiche della discriminazione. Finché il razzismo, il sessismo e l’antispecismo saranno concepiti come lotta di classe, sarà difficile affermare il rifiuto di ogni forma di discriminazione perché l’interesse di parte genererà sempre scontri. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *