UK VERSO IL DIVIETO DI BOLLIRE VIVE LE ARAGOSTE

Presto potrebbe essere illegale bollire aragoste, granchi e calamari vivi nel Regno Unito.


Secondo quanto riportato in un articolo di Plant Based News, i legislatori del Regno Unito si stanno preparando a vietare la crudele pratica di bollire vive aragoste e altri invertebrati.

Obbligo di stordimento delle aragoste

Il motivo di tale modifica legislativa è da ricercarsi nel sempre maggior interesse a combattere la crudeltà sugli animali.
Il Parlamento britannico sta infatti presentando emendamenti che riconoscono che gli invertebrati sono esseri senzienti e possono provare dolore.
Lady Free Thinker, associazione statunitense no profit che si batte per i diritti degli animali, ha lanciato una petizione proprio per sollecitare il Parlamento del Regno Unito ad includere gli invertebrati tra gli esseri senzienti e porre fine agli attuali metodi di uccisione spietati e disumani. La modifica di legge comporterebbe l’obbligo di stordimento prima che aragoste e altri invertebrati siano bolliti vivi.
Attualmente, solo i vertebrati sono legalmente protetti dall’essere bolliti vivi.

Gli invertebrati


Gli invertebrati sono creature che non possiedono una spina dorsale, come granchi, aragoste e calamari e costituiscono circa il 90% di tutte le specie animali.
Maisie Tomlinson, co-direttore di Crustacean Compassion, ha così dichiarato al Times: “È meraviglioso sapere che il governo sta pianificando di sostenere l’inclusione di decapodi e cefalopodi nel disegno di legge relativo agli esseri senzienti. Ci sono prove più che sufficienti della capacità di queste creature sensibili e affascinanti di provare dolore e sofferenza. Subiscono un trattamento spaventoso
nell’industria alimentare”.

Gli animali provano dolore?

In Austria, Nuova Zelanda, Norvegia e Svizzera bollire vive le aragoste é vietato.
La British Veterinary Association (BVA), che sostiene la proposta di divieto di bollire vive le aragoste nel Regno Unito, ha affermato che esiste un “decennio di prove scientifiche convincenti sulla capacità degli animali di provare dolore”.
Nel 2013, una ricerca pubblicata sul Journal of Experimental Biology ha scoperto che i granchi di terra reagiscono alle scosse elettriche e le evitano consapevolmente. L’autore dello studio, Bob Elwood, ha dichiarato alla BBC News: “Non so cosa succede nella mente di un granchio… ma quello che posso dire è che il suo comportamento va oltre un semplice riflesso automatico al dolore e corrisponde alla definizione di dolore vero e proprio”.


Ricerche precedenti effettuate dallo stesso team hanno documentato comportamenti simili in gamberi e paguri. I risultati hanno indotto Elwood a chiedersi se il modo in cui trattiamo gli invertebrati sia “ragionevole”.
“Anche se sei riluttante a credere che gli animali provino dolore”, ha aggiunto, “vale la pena imporre questo a miliardi di animali ogni anno in tutto il mondo?”.
Vale la pena?
Certo che no.

Ma se bollire vive aragoste e invertebrati è disumano, stordirli prima di bollirli vivi non è di certo atto di compassione od empatia.
Aragoste, crostacei e invertebrati marini appartengono ad un mondo antico e misterioso.
Lasciamoli al luogo cui appartengono.
Lasciamoli vivere.

Per altre news dal mondo, clicca QUI.

Alessandra Tedeschi

Milano, 23/07/2021 IM

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *