UCCISA UN ‘AQUILA REALE MENTRE STAVA COVANDO. È SUCCESSO IN ALTO ADIGE.

Chi sono i terrestri? È un termine che dobbiamo utilizzare solo per quelle creature complesse dotate di due braccia, due gambe, una testa e un piccolo cervello? No. Terrestri sono tutte le creature che vivono in questo globo terracqueo.

Prendiamo ad esempio l’aquila reale: in libertà potrebbe vivere fino a 15-20 anni, è un animale che vive anche in Italia, in particolare sulle Alpi e gli Appennini; nel nostro paese il numero è ormai esiguo, circa 700 coppie. La causa di questa estinzione è connessa alla riduzione e alla contrazione del loro habitat naturale, oppure come è successo in questi giorni a gesti violenti e inqualificabili.

Vediamo insieme cosa è successo. Pochi giorni fa una di queste rare aquile reali è stata uccisa con un colpo di fucile, mentre covava nel nido. Il fatto è successo in Valle Aurina, appena sopra Gais, in Alto Adige, dove ricordiamo la stagione della caccia è aperta dall’8 maggio. La vicenda è emersa grazie alla denuncia dell’associazione no profit Naturtreff Eisvogel, che ha proposto una ricompensa di mille euro per chi riuscirà a trovare l’individuo che ha schiacciato il grilletto.  Oltre all’aquila, anche due uova della cova pronta a schiudersi sono state sacrificate, come potete vedere dalle foto scattate da Markus Kaiser.

Non è la prima volta che accadono episodi di questo genere. Altro che cacciatori amanti della natura: nel 2018 in Val d’Ultimo con una fucilata qualcuno uccise addirittura tre aquile.

“Se l’autore è un cacciatore – abbiamo letto  nel post dell’associazione Naturtreff Eisvogel a firma di Florian Reichegger – il suo comportamento ha screditato l’intera comunità di cacciatori. Coloro che coprono un simile atto non sono migliori di questo miserabile bracconiere

Oltre alle aquile, altri animali da proteggere sono i rapaci notturni, se li vuoi conoscere, segui la rubrica “GUFIAMOCI” di Marco Mastrorillo, cliccando QUI.

RV / Giu 20

One thought on “UCCISA UN ‘AQUILA REALE MENTRE STAVA COVANDO. È SUCCESSO IN ALTO ADIGE.

  • 10 Giugno 2020 in 09:42
    Permalink

    Io vivo nella zona dive è stata attuato questo incredibile scempio verso l’aquila. L’animale simbolo di queste montagne e sono rimasto come molti altri scioccato dalla notizia. Sono un foto naturalista e ho avuto la fortuna di vedere numerose volte questo bellissimo rapace volare nei cieli o posato su qualche sperone di roccia.
    Spero che il responsabile di questa uccisione venda individuato e punito anche se ormai l’aquila con i suoi pulcini non c’è più. Sono contro la caccia da sempre e non riesco a capire come in Alti Adige nei parchi naturali (Patrimonio Unesco) la caccia sia consentita. È un paradosso incredibile.
    Grazie per avere pubblicato questa notizia e grazie per il vostro impegno per gli animali.
    Govegan

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *