MAX TRA CAPRE E CAVOLI

Il progetto Fattoria Capre e Cavoli nasce nell’estate del 2015 nella storica Cascina Americana a Mesero, a venti minuti da Milano.

La Fattoria raccontata da Max

L’inaugurazione del rifugio avviene nel marzo 2016 e, fin dal primo momento, lì hanno trovato accoglienza sempre più animali.

Risale al gennaio 2017 l’entrata a far parte della Rete dei Santuari di Animali Liberi in Italia.

Gli ospiti della Fattoria

La Fattoria, gestita da un’associazione di volontariato, ha come obiettivo primario il recupero ed il benessere degli animali. Come ci racconta Max nell’intervista, questo comporta un lavoro costante, spesso pesante, che tiene impegnati i volontari 365 giorni all’anno.

L’impegno è sempre molto gravoso, ma grazie alla bravura dei responsabili e dei volontari, gli animali ospiti vivono in strutture adeguate, pulite, ampie, e sempre nuove migliorie vengono progettate ed attuate per il loro benessere. 

Gli ospiti della Fattoria

Fare volontariato in Fattoria significa entrare in un team rodato di passione, serietà, ma anche tanta allegria: lavorare in mezzo agli animali è un’emozione nuova ogni giorno, emozione ed entusiasmo che traspare tutta nelle parole di Max. 

Sono tanti i modi per aiutare la Fattoria, uno tra i tanti è quello di  adottare a distanza uno dei loro animali. Una volta salvati gli animali, infatti, bisogna prendersi cura nel modo più adeguato ogni giorno della loro vita, fino alla fine. Quello tra il Rifugio ed i suoi ospiti è un matrimonio che non conosce divorzi, ma tutto questo ha costi molto elevati, pertanto un’adozione a distanza sarebbe un grande aiuto. Versando una quota per il mantenimento di un animale, si riceve in cambio un certificato di adozione e tante coccole quando lo si va a trovare.

Gli ospiti della Fattoria

Oltre alle adozioni o alle donazioni, èpossibile visitare la fattoria durante i weekend o partecipare ai pranzi e cene di raccolta fondi che si organizzano saltuariamente nella splendida cornice della cascina.

Anche l’aiuto “fisico” è molto importante, i lavori da fare alla fattoria non mancano. Svolgere attività di volontariato in una realtà come quella di un rifugio offre la possibilità di conoscere da vicino gli animali.

Gli ospiti della Fattoria

Chiunque volesse provare l’emozione di lavorare sotto lo sguardo vigile di Isidoro il capretto, le coccole di Daisy l’agnellino ed i rimproveri di Aristofane il gallo, può contattare la fattoriai scrivendo a fattoriacapreecavoi@gmail.com.

Milano, 24/11/2019 – GC

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *