ERADICAZIONE DEI CINGHIALI ALL’ISOLA D’ELBA

Il No di Mariangela Corrieri di Gabbie Vuote ODV all’eradicazione dei cinghiali all’isola d’Elba

Riceviamo e condividiamo il comunicato di Mariangela Corrieri che fa il punto della situazione sulla proposta della Giunta Regionale Toscana circa la proposta di eradicazione del cinghiale dall’Isola d’Elba.

Ricordiamo che è di Mariangela Corrieri la rubrica “VERITA’ SVELATE” che, nel corso della prima stagione, ha affrontato i lati oscuri della caccia, parlando anche di cinghiali. Per ascoltare, clicca QUI.

Contro l’eradicazione dei cinghiali all’Isola d’Elba – Il comunicato

Poiché la proposta della Giunta Regionale Toscana di eradicazione del cinghiale dall’Isola d’Elba, andrà in Consiglio per la definitiva approvazione, vi chiediamo di documentarvi attentamente su chi siano i cinghiali, l’habitat, la protezione degli ecosistemi, nonché su quanto diversi siano i pareri di quella maggioranza di cittadini che aborre la caccia, la strage di animali innocenti, la brutalità umana sugli indifesi.

A maggio scorso è nato il Comitato Eradicazione Cinghiali Isola d’Elba e, come cittadini senza interessi economici da difendere, ma solo scienza e coscienza, vogliamo esporre le nostre considerazioni.

Gli eradicatori parlano del cinghiale come di specie alloctona e hanno ragione. Nel passato, alle soglie dell’estinzione del cinghiale maremmano, i cacciatori coadiuvati dai politici amministratori, hanno importato il cinghiale del centro est Europa, come sappiamo più grande, più prolifico, più confidente e poi lo hanno anche ibridato con i maiali facendolo diventare un animale “domestico”.

cinghiali

Fino a pochi anni fa le continue immissioni, i foraggiamenti intensivi, incrementavano le popolazioni per l’interesse dei cacciatori ma ora la legge 28 dicembre 2015 n. 221 ha finalmente vietato all’art.7, comma 1 e 2, sia il ripopolamento di cinghiali che il loro foraggiamento. Questa legge è arrivata tardi, troppo tardi ma, viene rispettata?
Nel Forestale del 2009 si legge: “Nel caso del cinghiale la falla è rappresentata dai ripopolamenti che ancora oggi vengono fatti annualmente a ritmo di decine di migliaia di capi. Inutile pensare di risolvere il problema del sovrannumero dei cinghiali se prima non si tappa la falla arrestando questo fiume di esemplari liberati ogni anno dalle strutture pubbliche e private per alimentare una crescente domanda venatoria. Se da domani non si liberassero più cinghiali il problema si ridimensionerebbe in poco tempo poiché anche  i cinghiali subiscono l’effetto limitante di alcuni fattori ambientali. Il cinghiale è una specie a selezione r (la popolazione cresce e colonizza rapidamente l’ambiente fino a raggiungere un picco che dipende, naturalmente, dalla capacità portante dell’ambiente) in cui il ciclo riproduttivo prevede in condizioni normali un solo parto annuale”.

E’ senz’altro credibile che nell’Isola d’Elba i cinghiali siano stati introdotti per motivi venatori così com’è successo in tanti altri luoghi d’Italia e in altri numerosi Paesi europei dove introduzione ed estinzione si sono avvicendate nei millenni: Europa, Asia, Africa, America…. Ma ciò non significa che con uno schiocco di dita i cinghiali dall’Elba debbano sparire.

Se nell’Isola d’Elba l’ultimo cinghiale è stato abbattuto nel 1802, come dicono i signori dell’eradicazione, significa che i cinghiali abitavano l’Elba e quindi non è possibile dichiarare il territorio dell’isola “non vocato al cinghiale”.

Ma chi è il cinghiale?

Per chi non lo sapesse e tantissimi non lo sanno, con le parole del Prof. Franco Nobile, medico, docente e cacciatore, medaglia d’oro al valore della Sanità conferitagli dal Presidente della Repubblica Ciampi, autore del volume “Il cinghiale”:

cinghiali
  • Vita ed abitudini di questo ungulato, nonostante la sua ampia diffusione nel nostro Paese, rimangono in gran parte sconosciute. La maggior parte dei cacciatori del cinghiale, ad esempio, conserva di esso solo l’immagine di un batuffolone di setole lanciato come un missile attraverso le poste per evitare più danni possibile. Le principali caratteristiche del cinghiale sono la socialità, la vita notturna, la predilezione per la macchia folta, l’erratismo ed il desiderio di tranquillità”.
  •  Ancora: “Il genere Sus e la specie scrofa attualmente presente in Italia è la risultante degli incroci della sottospecie maremmana autoctona con i grossi e prolifici cinghiali centro europei e con i maiali domestici, dei quali il nostro ungulato è il cugino selvatico”. Ancora: “Nomade ed amante del quieto viver, la sua presenza è incompatibile con un sovraffollamento umano”. 
  • Ancora: “L’attaccamento della madre ai figli è notevole. Essa non esita ad affrontare qualsiasi avversario”. 
  • Ancora: “Le principali caratteristiche del cinghiale sono la socialità, la vita notturna, la predilezione per la macchia folta, l’erratismo ed il desiderio di tranquillità”. Ancora: “Come tutti gli animali, il cinghiale attacca solo quando non può difendersi fuggendo” 
  • Ancora: “In ogni tempo e in ogni paese, il cinghiale è stato reputato tra gli animali selvatici più intelligenti”.  
  • Ancora: “Non è mai stato riferito che i cinghiali si allarmino con persone inoffensive, come gitanti, cercatori di funghi o boscaioli. Anzi il cinghiale non teme le persone che parlano normalmente o addirittura che urlano. Il coraggio del cinghiale è leggendario quanto la sua intelligenza. Se non è provocato o ferito il cinghiale non aggredisce l’uomo”. 
  • Ancora: “Il cinghiale si presta ad essere addomesticato sin da piccolo, allevandolo con un biberon. Si affeziona facilmente all’uomo e con la sua intelligenza è in grado di imparare come o forse più di un animale domestico. Convive senza paura o ribellione con cani e gatti e senza prepotenze al momento del rancio”.

caccia
Quindi, se ci accolliamo intellettualmente e moralmente questi concetti, con quale animo inforchiamo il fucile e lo uccidiamo?


Perché deve pagare un innocente per i misfatti di noi umani? Siamo intelligenti, siamo tecnologicamente avanzati, non possiamo trovare un metodo indolore per limitare le popolazioni di questi cinghiali introdotti, per trasformare quella parte dell’ambiente depauperato, in boschi di querce per accoglierli, non possiamo accettare la legge biologica della capacità portante che regola le popolazioni di fauna selvatica? Fra l’altro, il tasso di mortalità dei porchetti è piuttosto elevato: nei primi otto mesi di vita può raggiungere il 30-40%.

Sappiamo che la caccia è inutile per contenere le popolazioni, tanto meno regolarle ma, ancor peggio, è controproducente e non perchè lo dichiarano gli eradicatori e le associazioni ambientaliste e animaliste, ma perchè lo hanno accertato scientificamente illustri ricercatori e scienziati come Norbert Happ, studioso e cacciatore tedesco: “L’aumentata riproduzione è causata dall’uomo…Relazioni sociali disordinate con estri non coordinati e moltiplicazione incontrollata sono da imputare esclusivamente all’esercizio della caccia“.

Nella proposta della Giunta si ammette ogni forma di ammazzamento: trappole, caccia di selezione, braccata (nonostante nel tempo, in Parlamento, sia stata richiesta l’eliminazione di questa forma di caccia spregevole, barbara, che manda alla morte decine di cani infilzati dalle zanne del cinghiale e che produce ai cinghiali, prima di morire, terrore e angoscia indicibili).

Tutto ciò non ci meraviglia in quanto non è mai mancato l’inchino ai cacciatori da parte dell’assessorato regionale, il loro interesse e quello degli armieri è risultato più proficuo rispetto a quello dell’80% dei cittadini contrari alla caccia.

Ma, molti risponderebbero: sono animali! Sì, sono animali, ma sentono come noi, soffrono come noi….l’art. 13 del Trattato di Lisbona li dichiara esseri senzienti, la Dichiarazione di Cambridge esseri con coscienza, il nuovo articolo 9 della Costituzione italiana ne promuove la tutela. Senza considerare che, da sempre, l’uomo dominatore vuol far pagare ai più deboli le proprie colpe. Comodo, facile ma ignobile.

Antropocene


Noi protestiamo per tutte le politiche violente, per l’incapacità di empatia, per l’irresponsabilità e le colpe passate e presenti che governanti, gruppi di interesse, cacciatori, armieri…..sostengono e praticano sempre e solo per il proprio, ottuso, interesse e non per una reale visione di equilibrio della biodiversità basato sulla legge biologica della capacità portante, per il rispetto della Natura da cui dipendiamo in un Pianeta meraviglioso portato alla distruzione tanto da chiamare il periodo in cui stiamo vivendo: Antropocene.


L’ex Ministro Sergio Costa durante il suo governo, aveva suggerito, fra l’altro:

  • l’utilizzo di trap boarbusters (già impiegate negli USA), trappole a recinto telecomandate che catturano i cinghiali in modo non cruento;
  • somministrazione dei vaccini immuno contraccettivi tramite dardi con utilizzo di fucili speciali che ne iniettano la dose.  Tali vaccini non hanno controindicazioni per il cinghiale, altri animali  e l’essere umano e durano fino a 6 anni. Dove sperimentata questa tecnica (negli USA) ha dimostrato che, in modo non cruento, non pericoloso e poco invasivo verso gli altri animali, ha ridotto l’incidenza dei cinghiali di non meno del 60% con punte anche dell’80%.

Noi speriamo di coinvolgervi nella nostra visione di approccio non violento per risolvere tutti quei problemi che noi umani abbiamo sollevato nei confronti della natura e degli animali.

Speriamo che il nostro sguardo sul pianeta ci inserisca nella vita come anello della catena, più sviluppato, più responsabile, ma anello. Possiamo farlo. L’esempio lo dà il nostro rapporto con le api, insetti che finora non abbiamo assolutamente considerato ma che, visto il cambiamento climatico in corso, ora guardiamo con occhi nuovi e lavoriamo per proteggerle.

Facciamolo anche con i cinghiali, con….gli altri esseri viventi.

Risolviamo i problemi con l’intelligenza che ci compete e cerchiamo di vedere la meraviglia che questo pianeta ci offre in ogni sua più piccola e grande creatura.
CINGHIALI

Suggeriamo, per maggiore informazione, di leggere la relazione https://gabbievuote.it/caccia-al-cinghiale—relazione.html dove ogni aspetto pratico della caccia al cinghiale è stato esaminato attraverso documenti, esperienze e non opinioni.

Speriamo in una riflessione che si sollevi da terra e guardi l’orizzonte a 360 gradi e quidi rifiuti la crudeltà di un’eradiczione, aspetto sanguinario dell’essere umano che non vorremmo mai si manifestasse.

Milano, 17/07/2022

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.