BALENE MINKE: ESPERIMENTI IN NORVEGIA PER INQUINAMENTO ACUSTICO

Il governo norvegese ha dato il via libera agli scienziati per condurre un esperimento senza precedenti sulle balene Minke.

In Norvegia sta partendo un nuovissimo esperimento sulle balene Minke che ha lo scopo di comprendere meglio come i rumori prodotti dall’uomo, in particolare sonar navali e operazioni di trivellazione di petrolio e gas, possano influenzare l’udito delle balene.

Il progetto, ritenuto dalle autorità norvegesi “necessario”, ha ricevuto finanziamenti dalla National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA) e dalla US Navy.

Questo quanto riportato in un articolo pubblicato da Lady FreeThinker, associazione no profit statunitense che si batte in difesa degli animali.   

In cosa consiste l’esperimento in Norvegia sulle Balene Minke?

Nelle prossime due stagioni migratorie almeno una dozzina di balene verranno catturate ed utilizzate nell’esperimento.

I ricercatori dell’istituto norvegese per la ricerca sulla difesa (FFI) cattureranno le balene una alla volta in una rete a strascico lunga un miglio. Una volta all’interno, le balene verranno incanalate in una piccola gabbia per l’acquacoltura – o allevamento ittico – dove gli verranno impiantati dei sensori sotto pelle.

Gli scienziati utilizzeranno i sensori per registrare le risposte del cervello delle balene ai diversi livelli di rumore.

Pericolosità dell’esperimento

Petter Kvadsheim, capo scienziato della FFI, ha riconosciuto che l’esperimento potrebbe danneggiare gli animali.

I funzionari dell’Autorità norvegese per la sicurezza alimentare (NFSA) che ha approvato il piano hanno riconosciuto che gli esperimenti causeranno alle balene uno stress “moderatamente grave”.   

E hanno anche precisato che alcune balene potrebbero provare “dolore, sofferenza o angoscia moderati a breve termine”, mentre altre potrebbero provare “dolore, sofferenza o angoscia lievi di lunga durata”.

Critiche al progetto

La decisione ha suscitato aspre critiche da parte di 50 tra i maggiori esperti mondiali di balene e gruppi per i diritti degli animali – tra cui l’Animal Welfare Institute (AWI), NOAH – la più grande ONG norvegese per gli animali – e Whale and Dolphin Conservation, che hanno scritto una lettera aperta al primo ministro norvegese esortando il governo a fermare questi “esperimenti crudeli e pericolosi”.

Susan Millward, direttrice del programma marino dell’AWI, ha affermato che “semplicemente non vale la pena correre il rischio, in particolare quando la ricerca esistente ci dice già che le balene sono influenzate dal rumore dell’oceano”.

“Piuttosto, dovrebbero fare sforzi per sviluppare tecnologie più silenziose”, ha affermato Lindy Weilgart, esperta di comunicazione con le balene e rumore subacqueo nonché firmataria della lettera.

Strana razza quella umana.

Invece di ridurre il rumore per evitare sofferenze alle balene, si catturano le balene provocandogli sofferenze per provare che il rumore causa loro sofferenze.

balena minke

Nuota balena nuota, inabissati negli oceani, sfuggi a questi umani folli che stanno al mondo senza capire il mondo, che giocano con la vita delle altre creature, che procurano solo sofferenza e morte.

Alessandra Tedeschi

Milano, 31/08/2021 – GC

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.