END THE SLAUGHTER AGE PER PORRE FINE ALL’ERA DEI MACELLI

end the slaughter age
Carne coltivata e ICE –  Iniziativa dei Cittadini Europei per andare verso la fine dell’era dei macelli

Di carne coltivata ne abbiamo parlato nel lontano 2018 con Nicolas Micheletti, uno dei primissimi che ha portato all’attenzione dell’opinione pubblica questo argomento. L’evoluzione del progetto si chiama End the Slaughter Age.

Secondo le ultime notizie del Gruppo intergovernativo sul cambiamento climatico (Intergovernmental Panel on Climate ChangeIPCC) , abbiamo circa 10 anni per evitare il punto di non ritorno climatico.
Le emissioni dei gas serra hanno raggiunto livelli mai visti prima su questo pianeta. Dal 15% al 51% sono legati al consumo di carne tradizionale.

E’ arrivato dunque il momento di riparlare di carne coltivata, un’ alternativa in grado di produrre la stessa quantità di carne con il 99% di emissioni serra in meno senza provocare sofferenza agli animali.

La Carne Coltivata si ottiene grazie all’Agricoltura Cellulare, un nuovo ramo tecnologico che permette la produzione di carne, latte, uova, ossa, pelle e molto altro materiale organico direttamente in laboratorio, partendo da poche cellule che si moltiplicano quasi all’infinito.

La Commissione Europea ha approvato la
raccolta firme per End the Slaughter Age.
La Commissione Europea ha approvato la raccolta firme per End the Slaughter Age.

In occasione dell’imminente ICE –  Iniziativa dei Cittadini Europei, è giunto il momento di fare chiarezza, di portare alla luce e sbugiardare le tante bufale diffuse dalle lobby della carne e dell’agrobusiness.

L’intervista a Nicolas Micheletti e Filippo Borsellino

Abbiamo ricontattato Nicolas Micheletti che fa chiarezza su tutti i dubbi sulla carne coltivata e Filippo Borsellino che, invece, ci illustra l’iniziativa dei Cittadini Europei atta ad iniziare il processo che porterà alla fine dell’era dei macelli.

End the Slaughter Age, per un mondo senza macelli

End The Slaughter Age è un’organizzazione internazionale creata con l’obiettivo di porre fine all’esistenza dell’allevamento di animali, per il cibo e altri scopi, a cominciare dalla macellazione degli animali.

Per farlo propone due soluzioni:

• carne coltivata, realizzata attraverso la nuova Agricoltura Cellulare e attraverso la tecnica di fermentazione;

• la carne vegetale, capace di eguagliare il sapore e il gusto della carne tradizionale, un esempio di grande successo sul mercato è Beyond Meat.

La raccolta firme ICE o ECI in partenza il 5 giugno

Il progetto sottoposto alla Commissione Europea è suddiviso in due punti:

  • 1 – L’esclusione dell’allevamento dalle attività ammissibili alle sovvenzioni agricole e l’inclusione di alternative ecologiche, come l’agricoltura cellulare e le proteine vegetali;
  • 2 – Incentivi per la produzione e vendita di prodotti di origine vegetale e di agricoltura cellulare;
Per firmare, clicca QUI.

La raccolta delle firme ECI, che partirà il 5 giugno 2022, richiederà almeno 7 Stati membri e 1.000.000 di firme in tutta Europa. Ogni paese ha una quota da raggiungere, pena l’annullamento di tutta l’iniziativa.

ECCO PERCHE’ E’ IMPORTANTISSIMO FIRMARE TUTTI!
Le firme possono essere fatte anche online cliccando QUI.

END THE SLAUGHTER AGE SOSTENITORI

L’obiettivo finale di End The Slaughter Age è l’abolizione e la criminalizzazione di tutte le forme di sfruttamento degli animali. Per questo l’organizzazione da estrema importanza ai Santuari e Rifugi per animali, luoghi gestiti da attivisti e volontari che spesso hanno problemi economici, anche e soprattutto a causa di una classe politica che li ignora. Per questo, oltre agli obiettivi già elencati, ETSA (Ente the Slaughter Age) si batte affinché queste strutture ottengano riconoscimento legale e finanziamenti pubblici in tutta Europa, affinché diventino la dimora di molti degli animali che ancora oggi vengono imprigionati e uccisi per avidità umana.

Per firmare, clicca QUI.

Per ascoltare RadioVeg.it, clicca QUI.

Milano, 19/05/2022 – GC

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.