PORCHETTA IN PIAZZA: ARTE, PROVOCAZIONE O DENUNCIA?

Annamaria Manzoni si esprime sulla discutibile installazione di Trastevere

La porchetta di Trastevere

porchetta trastevere di fronte

L’installazione che rappresenta una porchetta, pronta per essere fatta a fettine, è apparsa qualche giorno fa in Piazza San Giovanni della Malva a Trastevere e, ovviamente, ha scatenato critiche e polemiche, e non solo tra gli animalisti.

L’opera d’arte, se si può chiamare così, è stata scolpita da un giovane studente della Rome University of Fine Arts – RUFA che l’ha intitolata: “Dal panino si va in piazza” e la ragione è che intenderebbe “celebrare il momento di convivialità che lo stare all’aria aperta, il vivere insieme, lo scambiarsi idee e sorrisi porta con sé. Il periodo di pandemia vissuto fino a ora ha fatto perdere di vista quando sia necessario confrontarsi, anche vivacemente, su temi e argomenti” L’intento di un confronto vivace è stato senza dubbio raggiunto.

Il progetto “Piazze Romane”

Il progetto di cui fa parte la scultura è lodevole. Si tratta di “Piazze romane” patrocinato dal Municipio I e prevede l’installazione di 8 sculture, realizzate dagli studenti della RUFA, che verranno rimosse alla fine di settembre.

cattelan cavallo

Una iniziativa che è decisamente partita con il piede sbagliato. Per replicare alle critiche ed agli attacchi, che non si sono fatti attendere, la RUFA ha così commentato “Per la prima volta, da molti anni a questa parte, Roma ed in particolare il Municipio I Roma Centro, ha deciso di aprirsi alla giovane arte contemporanea, non rivolgendo l’attenzione ad artisti affermati e conclamati che, proprio per questa ragione nessuno avrebbe attaccato, ma chiedendo agli studenti, ai futuri artisti in formazione, di pensare ad una Roma beffarda, partigiana e solidale”.

Porchetta arte contemporanea?

Il fatto di chiamare “arte contemporanea” questa installazione ci fa ovviamente rabbrividire. Come ci fanno rabbrividire le varie installazioni di Cattelan. Una storia, questa, che abbiamo ritenuto meritasse il parere di una psicologa Annamaria Manzoni che, come sempre, ha fatto una precisa e puntuale analisi, regalandoci ancora una volta molti spunti di riflessione.

Le riflessioni di Annamaria Manzoni

Il parere della dott.ssa Annamaria Manzoni

Annamaria Manzoni ha affrontato l’argomento anche in un suo post nel quale si esprime circa il commento apparso nel “Caffè di Massimo Gramellini”.

Ringraziamo la dottoressa Annamaria Manzoni per questo commento e vi segnaliamo che, a seguito di un blitz notturno di ALF che ha rovesciato sulla statua della vernice rossa, l’installazione è stata rimossa con l’intento di essere restaurata e rimessa al centro della piazza. Come dire, non finisce qui.

Le proteste del mondo animalista

Tante le proteste da parte del mondo degli animalisti a partire dalla LAV, che ha dichiarato che “offende la sensibilità di circa trecentomila romani vegani e vegetariani, che in essa vedono un insulto al valore della vita degli animali esseri senzienti, al loro sacrificio forzato in nome di una preferenza alimentare nemmeno necessaria ma solo egoistica”.

Non si sono risparmiati neppure post e dibattiti in rete e, nella notte tra il 24 e 25 giugno, la statua è stata coperta di vernice rossa. La “modifica” porta la firma di Alf, Animal Liberation Front.

#NoStatuaPorchetta

Sono in corso delle raccolte firme per chiedere la rimozione definitiva della statua, clicca QUI o QUI per i link.

porchetta trastevere con vernice

Tentativo di dialogo

Un tentativo di “conciliazione” è arrivato da Sabrina Alfonsi, che con il suo Municipio ha patrocinato l’iniziativa “Piazze romane“.

“Un’idea di città democratica, come piace a noi, prevede il confronto alla sua base e per questo proponiamo di organizzare, a breve, un incontro, in piazza con le diverse associazioni, gli artisti, le Istituzioni e i cittadini che vorranno partecipare”.

Un appuntamento che, secondo Sabrina Alfonsi, “farà del bene a tutti e soprattutto ai giovani artisti che attraverso questo confronto potranno apprendere il significato di arte pubblica e contribuire alla ricostruzione di quel tessuto sociale di cui abbiamo tanto bisogno”. 

Ebbene, “Contribuire alla ricostruzione di quel tessuto sociale di cui abbiamo tanto bisogno” partendo dall’installazione di Trastevere non ci pare una buona idea!

Milano, 25/06/2021 – GC

2 pensieri riguardo “PORCHETTA IN PIAZZA: ARTE, PROVOCAZIONE O DENUNCIA?

  • 25 Giugno 2021 in 21:45
    Permalink

    So che è in atto una raccolta firme per togliere definitivamente “la porchetta”.
    Qualcuno può pubblicare il link?

    Rispondi
    • 26 Giugno 2021 in 07:37
      Permalink

      Grazie per la segnalazione, abbiamo aggiornato l’articolo.

      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.