IL RIFUGIO DI MARTA

L’associazione che salva gli animali nata dal sogno di Marta.
Il rifugio di marta

Il Rifugio di Marta è una nuova associazione che aiuta gli animali vittime di violenze e maltrattamenti.

Questa neonata realtà nasce a Tuoro sul Trasimeno, in Umbria. Una località immersa nel verde, famosa per il suo lago protagonista nelle storie di San Francesco: colui che per eccellenza ha insegnato l’amore per gli animali.

In questa terra dunque impregnata di quell’amore, non poteva che germogliare un sogno, quello di Marta.

Un progetto che però l’animalista Marta Vinti, ostetrica dell’ospedale Santa Maria della Misericordia di Perugia, non ha potuto veder realizzato perché scomparsa precocemente.

Marta ha però lasciato la sua impronta nei cuori dei suoi amici che l’hanno voluta onorare dando al rifugio il suo nome.

Francesca Ricci

L’idea è stata di Francesca Ricci, giornalista e attivista, che vede Presidente Onorario dell’Associazione Fabrizio Massetti, il fidanzato di Marta.

Insieme a gli altri fondatori: Fabiana Taddei, Emanuele Di Biase, Luca Calzoni, Orietta Vinti ed Emilio Cairoli, hanno aperto le porte di una nuova vita per molti animali in difficoltà, ospitati presso la proprietà di Laura Scalogni dove sono già i suoi animali.

Il rifugio è aperto ai visitatori per raccogliere fondi per gli animali meno fortunati che non hanno casa.

Tra questi ci sono i cavalli e maialini di Laura, ma anche delle simpatiche caprette che sono state salvate dal macello.

Ad oggi l’associazione si occupa di salvare animali in difficoltà attraverso segnalazioni, come randagi e abbandono, dando loro ricovero in strutture veterinarie per poi trovargli una nuova casa.

Per problemi di spazio non hanno la possibilità di ospitare altri animali di grande taglia nel rifugio, ma si impegnano a cercare un posto idoneo e sicuro a gli animali maltrattati o in difficoltà, prendendosi carico anche delle spese del trasporto.

Forse non tutti sanno che quando viene salvato un animale da reddito, per esempio una mucca, questo può viaggiare esclusivamente su un mezzo ritenuto idoneo al trasporto bestiame; e i costi sono solitamente elevati.

Aprire un rifugio per insegnare ad amare gli animali.

Il rifugio di marta

Il Rifugio di Marta è stato pensato anche per essere un luogo emotivamente formativo, nel quale poter conoscere veramente gli animali che solitamente vengono considerati da reddito.

Difficilmente si ha possibilità di interagire con cavalli, capre, pecore, maiali e mucche, ma in un rifugio e in un santuario questo è possibile; così da poter scoprire la natura empatica implicita in questi fantastici animali. Una volta conosciuti, é impossibile non amarli.

Un luogo ideale da far visitare anche ai bambini e per passare una piacevole giornata in compagnia dei simpatici ospiti pelosetti del Rifugio.

Le giornate di visita saranno accompagnate da golosi stuzzichini vegani, facendo così scoprire ai suoi ospiti il gusto sano di una buona cucina vegetale.

Un impegno di grande attivismo e dedizione per tutti i fondatori del Rifugio di Marta, che riscontra già da subito i primi successi con il sold out per il primo open day di domenica 26 Settembre.

Il Rifugio di Marta è all’inizio della sua strada, ma il progetto è quello di crescere cercando di acquistare un terreno più ampio in modo da poter ospitare altri animali bisognosi.

Come aiutare il Rifugio di Marta a crescere.

In quanto associazione, il Rifugio di Marta può ricevere donazioni anche da privati, ma non solo: è possibile ordinare le bomboniere per cerimonia personalizzate direttamente al Rifugio. Avrete dunque dei graziosi omaggi da lasciare a vostri ospiti aiutando molti animali in difficoltà.

Potete trovare tutte le informazioni a riguardo seguendo i canali social del Rifugio di Marta: Facebook: @ilRifugioDiMarta Istagram: @il_rifugio_di_marta, oppure via mail: [email protected]

rifugio di marta
Lo chef Emanuele Di Biase

Tra i fondatori c’è anche il famoso Vegan Mater Chef Emanuele Di Biase.

Il famoso Vegan Master Chef Emanuele Di Biase, Presidente della Confipegel (Confederazione che raggruppa tutti i professionisti della ristorazione e della pasticceria in Italia), nonostante abbia appena inaugurato la sua scuola di alta cucina vegana a Tuoro sul Trasimeno: la Veganok Academy, non si è sottratto dall’impegno di fondare il Rifugio di Marta.

Questo sicuramente fa ben sperare di poter assaggiare qualche pietanza dello Chef durante gli eventi del rifugio, come accadrà durante l’open day del 26 settembre.

L’amore per gli animali per Emanuele Di Biase è stato il perno del cambiamento radicale della sua vita. Pasticcere prodigio e chef in carriera, ha rischiato tutto il suo successo per cambiare direzione e dedicarsi alla cucina e pasticceria vegana, facendone uno strumento di attivismo.

Il suo coraggio è stato ampiamente premiato, data l’autenticità della sua scelta.

Ad oggi Emanuele Di Biase è uno dei maggiori riferimenti della cucina vegan italiana.

L’intervista ad Emanuele Di Biase

Lo chef Emanuele Di Biase ci parla del Rifugio di Marta

Sonia Carella

Milano, 25/09/2021 – GC

Per conoscere la storia di altri Santuari per Animali, clicca QUI.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.