ASSOCIAZIONIPODCAST

DISABLANDIA

Da Rovigo a Milano, Disabilandia continua la sua missione
Disabilandia Debora e Isabello
Debora e Isabello

Si chiama Disabilandia il piccolo grande progetto che da Rovigo è diventato il punto di riferimento, in Italia e non solo, per gatti speciali che a causa di incidenti, violenze o maltrattamenti hanno perso l’uso di dhanno perso l’uso di due o più zampe e la loro autonomia; ciò basta ancora troppo spesso a condannarli all’eutanasia, mentre sono animali capaci di sorprendere nella capacità di adattarsi alla loro nuova “normalità” e per ciò stesso meritano una seconda opportunità.

Nella convinzione che non c’è un solo modo per essere felici, Disabilandia offre ai suoi ospiti pelosi una casa dove possano condurre una vita dignitosa, curati, assistiti e profondamente amati nell’attesa di trovare

una famiglia che li ami così come sono, unici e insostituibili.

L’intervista a Debora Bicchi

Abbiamo parlato di Disabilandia con una delle volontarie della sede di Milano, Debora Bicchi.

Ecco cosa ci ha raccontato.

Intervista a Debora Bicchi

La storia di Disabilandia

L’avventura è iniziata nel 2016 quando Valentina Pasotto ha dedicato la casa dei nonni in quel di Rovigo a rifugio in cui ospitare alcuni gatti disabili, che senza il suo aiuto, il suo grande cuore e la sua competenza sarebbero morti in silenzio e nell’indifferenza.

disabilandia

I gatti a cui dava ospitalità li definiva affettuosamente “rottami”: spesso condannati da diagnosi imprecise o superficiali, vittime di incuria, crudeltà o scarsa informazione.

C’erano gatti tripodi, gatti provati dalla vita in strada, gatti investiti, e via via l’attenzione si è focalizzata sui gatti disabili con vescica neurologica, ossia gatti che non sono più autonomi nella minzione e/o nella defecazione.

disabilandia

Negli anni Valentina ha aiutato centinaia di gatti e questo ha richiesto enorme impegno fisico, economico ed emotivo.

Ma non si è mai fermata e un po’ alla volta Disabilandia è uscita dai confini di Rovigo.

Ed è così che Cristina Casiraghi incontra Valentina Pasotto ad una fiera e si innamora della realtà di Disabilandia, sostenendola per quanto possibile da Milano.

Purtroppo la pandemia ha creato difficoltà in quel di Rovigo: la casa che per anni aveva ospitato questi mici meno fortunati doveva essere venduta e bisognava trovare una sistemazione per ben 38 anime innocenti.

Alcuni di loro hanno fortunatamente trovato casa: anche un micio disabile può trovare la sua famiglia e vivere una vita dignitosa fra divani, cucce e coccole, proprio come qualunque altro gatto.

Da Rovigo a Milano

Nel frattempo Cristina e Valentina decidono di unire le forze e spostare Disabilandia a Milano, confidando in maggiori opportunità di visibilità sia in termini di adozioni che di volontariato.

La ricerca dello spazio adeguato non è facile, ma quando Cristina ha individuato la struttura ha capito subito che sarebbe stata perfetto per “Casa Disabilandia”.

A fine 2020 Disabilandia entra a fare parte della famiglia di Balzoo – Banco Italiano Zoologico Onlus, e a marzo 2022 apre il rifugio di Milano Crescenzago.

Ora a distanza di un anno dall’apertura tanti mici sono stati accolti, quelli di Rovigo e molti altri che arrivano da diverse regioni d’Italia, ognuno con la sua storia alle spalle.

Ogni giorno Disabilandia riceve richieste di aiuto e le instancabili volontarie non si fermano mai. La loro missione è accogliere in un posto sicuro quanti più gatti possibili e trovare loro una casa facendoli conoscere alle persone che sempre più numerose seguono la pagina Facebook dove settimanalmente vengono fatte dirette dal rifugio.

E in un anno già diversi mici, come Isabello, hanno trovato casa dando così la possibilità alle volontarie di accogliere altri mici.

MutanGadgets Disabilandia

Casa Disabilandia è un posto pieno di amore, cura e attenzione. Allo stesso tempo i mici hanno bisogno di pappe buone, le migliori cure possibili specie al loro arrivo in rifugio, e un luogo che sia pulito ed accogliente e per farlo servono tante mani e un bel po’ di soldini.

Le volontarie mettono in campo tantissime iniziative come incontri in rifugio, aste, gadgets, eventi speciali e sono sempre pronte ad accogliere nuove idee.

Come sostenere questi mici speciali?

  •  Visitando la pagina Facebook nella sezione informazioni
  •  Scoprendo la pagina Facebook “Balzoo Mutangadgets” dedicata a tutti i gadgets e agli eventi.
  • Adottando un micio a distanza: a fronte dell’impegno di un versamento mensile di 15 euro per 6 o 12 mesi si può scegliere di diventare ufficialmente mamma o papà a distanza, andando così ad aiutare non solo il micio scelto, ma tutta la struttura.

disabilandia

I contatti

e-mail [email protected]

cell. 338.1754019 – Cristina Casiraghi – Referente di Disabilandia

Sede Milano – Via Privata della Valle 20, ingresso civico 22

Per ascoltare RadioVeg.it clilcca QUI.

Milano, 02/03/2023

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *