NEWS

SE ANCHE LA GAZZETTA NE PARLA...

Possiamo ripeterci? Sì, lo facciamo volentieri. Che il sito del più grande quotidiano sportivo italiano si occupi di crudismo vegano è proprio un segno dei tempi: tempi che pian piano trasformano la nostra società e su questo oramai non ci sono più dubbi.

Da una parte si parla di variazioni negative importanti per quanto riguarda il consumo della carne, dall'altra - è proprio di questi giorni la notizia rilanciata da Essere Animali - sembra che l'industria casearia potrebbe presto essere un ricordo. In mezzo ci sono articoli come quello firmato da Giorgia Cannarella sul sito della Gazzetta dello Sport, dal titolo : Pizza e spaghetti crudi, il buono di non cuocere. Un vero e proprio elogio alla cucina raw vegan.

"Il primo a predicare i benefici del non cuocere il cibo - si racconta nell'articolo - è stato, a fine Ottocento, il dottore svizzero Maximilian Bircher-Benner, ma c’è voluto un secolo per fare del crudismo una tendenza." Un articolo che racconta un fenomeno - il crudismo appunto - in grande espansione, in linea con la grande attenzione della società nei confronti della filosofia Vegan.

Cliccate qui per ascoltare RadioVeg.it in diretta.

Ovviamente, nell'articolo si racconta anche della realtà italiana: "Se negli Stati Uniti la prima scuola di cucina vegana crudista ha aperto nel 2009 grazie a Matthew Kenney – ora celebrity chef con locali e accademie in tutto il mondo – in Italia il primo ristorante 100% crudista è stato nel 2015 Mantra Raw Vegan a Milano. Mantra vede tra i suoi piatti simbolo gli “Spaghetti di zucchine con pesto di pistacchi” e le “Polpettine di noci e funghi” e snack, in vendita nello shop, come le chips di cavolo essiccato o i biscotti allo zenzero."

Segno dei tempi. Bello potersi ripetere spesso.

RV / Apr 18

Cliccate qui per leggere l'articolo pubblicato dal sito Gazzetta.it
Cliccate qui per ascoltare RadioVeg.it in diretta.
Fotografie: pixabay.com

Top