RIVISTE

FA LA COSA GIUSTA, ESORTA FUNNY VEGAN 37

FUNNY VEGAN 37 esorta: Fa’ la cosa giusta… o almeno provaci!

Editoriale di Sonia Giuliodori.

Più facile a dirsi che a farsi! Tutti i giorni siamo alle prese con scelte che influiscono su quello che ci circonda. Piccole o grandi che siano, cercare di prendere la decisione corretta non è sempre facile e molto spesso lasciamo che l’ambiente in cui viviamo guidi in modo quasi scontato le nostre azioni. Al lavoro, a casa, in famiglia, al supermercato, per strada interagiamo e soprattutto consumiamo. Quante volte ci fermiamo a pensare se stiamo facendo il meglio per noi, senza impattare troppo sugli altri? I dati che arrivano sulla crescita dell’inquinamento non sono incoraggianti. L’essere umano sembra non preoccuparsi troppo delle emissioni di CO2 e dello smaltimento rifiuti; preferisce magari discutere di calcio (vedi mondiali in Russia e trasferimento di Cristiano Ronaldo alla Juventus) o del matrimonio tra il principe Harry e Meghan Markle. Triste a dirsi, ma sono state tra le parole più cercate nel 2018 su Google! Siccome a me viene subito l’orticaria quando sento queste cose, anche se non sono goodnews, qualcosa ve lo devo dire… non sia mai poi che qualcuno ne parli (#pensiamocisu). Secondo l’ultimo rapporto a cura di ISPRA (Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale), tra il 2015 e il 2016 si è registrato un aumento nella produzione totale di rifiuti speciali pari al 2%, corrispondente a circa 2,7 milioni di tonnellate. Cresce di oltre 2,1 milioni di tonnellate la produzione totale di rifiuti speciali non pericolosi (1,7%) e soprattutto aumentano del 5,6% quelli pericolosi, arrivando a quasi 512.000 tonnellate.

Tra i settori più inquinanti c’è quello manifatturiero con la fabbricazione di coke e prodotti derivanti dalla raffinazione del petrolio, prodotti chimici e farmaceutici, articoli in gomma e materie plastiche, superato solo dal settore delle costruzioni.

Il mondo che abbiamo a disposizione è uno solo, siamo in tanti e dobbiamo cambiare rotta. Ognuno è responsabile delle proprie scelte, ma anche le politiche di governo dovrebbero muoversi con decisione verso una direzione ambientalista.

Alcune singole realtà lo stanno facendo, intravedendo un’opportunità non solo per fare bene il proprio lavoro e fare del bene al pianeta, ma anche come modalità di business: quello giusto e delle buone pratiche. Sulle pagine di questo FunnyVegan siamo andati a scovare tra gli espositori della fiera del consumo critico e degli stili di vita sostenibili (e non solo), che si svolge a Milano nel mese di marzo, tante belle aziende, selezionando i loro prodotti e intervistando gli ideatori, dalla cosmesi alla moda. In questo primo numero del 2019, in generale, abbiamo voluto dare spazio a chi si sta muovendo verso una direzione ecosostenibile, o almeno prova a farlo. È un invito per tutti noi consumatori a supportare queste imprese, con la speranza che possano crescere e fornire un esempio da seguire.

Top